FSMNews

Il Lunedì la valuta degli Stati Uniti si riscontrò ad un basso di dieci mesi rispetto alle principali valute dovuto a varie ragioni, inclusa la mancanza di segni che l’economia del paese sta recuperando, i dubbi su un’altro aumento del tasso di interesse dalla Riserva Federale, e le preoccupazioni riguardo la riforma dell’assistenza saniaria del Presidente Statunitense, Donald Trump.  

L’indice del dollaro degli Stati Uniti è sceso di poco a 94.72 o 8% in meno rispetto alle altre principali valute. Esso è salito nei due mesi passati a causa dell’aumento del tasso di interesse dalla Riserva Federale.

Nel complesso, il dollaro è stato anche portato più in alto a causa della vittoria di Trump a Novembre dell’anno scorso insiema ad una prospettiva positive portata dai suoi piani di tagliare le imposte sulle imprese e aumentare la spesa sull’infrastruttura.

Contro lo yen Giapponese, il dollaro sta fluttuando ad un basso di tre settimane, giù del 0.47% a 112.09. L’euro è anche radunato del 0.66% ad un picco di 14 mesi rispetto al biglietto verde a 1.1553. Tuttavia, la sterlina era 0.34% più in basso contro il dollaro degli Stati Uniti dopo che il primo tasso di interesse è sceso per la prima volta da Ottobre a Giugno.

Il dollaro Canadese è radunato ad un alto di 14 mesi rispetto al dollaro degli Stati Uniti insieme al dollaro Statunitense insieme al dollaro Australiano registrando un alto di due anni, in su del $1.63 a seguito del rilascio della banca centrale nella recenta verbale di riunione politica che offrì al mercato una prospettiva positiva del mercato sull’economia.

Assistenza Sanitaria di Trump

Il dollaro è anche scivolato dopo che i due senatori Repubblicani hanno dichiarato la loro opposizione ad una riforma dell’assistenza sanitaria che revocherà Obamacare con un nuovo disegno di legge sanitario.

Secondo gli analisti, il fallimento dell’amministrazione Trump a passare un nuovo disegno di legge sanitaria risulterebbe nell’attenuare l’abilità dell’amministrazione ad implementare un taglio di imposte sulle imprese e supportare la spesa dell’infrastruttura, qualcosa che il presidente degli Stati Uniti ha promesso in continuazione di implementare dall’inizio della sua campagna.

FSMNews

Dubbi della Riserva Federale      

I dati inflazionistici degli Stati Uniti che erano rilasciati la scorsa settimana hanno mostrato cifre deboli insieme alle cifre negative delle vendite al dettaglio. Ciò ha portato un numero di investitori a credere che non ci sarà un’altro tasso di interesse per quest’anno come hanno percepito la maggior parte dei mercati. La quota di inflazione è attualmente ancora sotto l’obiettivo di due per cento della Riserva Federale, mentre i dati dell’indice del prezzo consumatore negli Stati Uniti sono aumentati di solo 1.6% lo scorso Giugno, significativamente in meno dell’aumento da 1.9% a Maggio.

Anche se la banca centrale ha di recente annunciato un’altro tasso di interesse e i piani di implementare di più il prossimo anno, alcuni funzionari della Fed hanno comentato che un’altro per questo anno non sarebbe vantaggioso. La banca centrale degli Stati Uniti ha anche annunciato i suoi piani di recente di tagliare il suo bilancio. Tuttavia, gli investitori dovrebbero rimanere cauti sulle prossime mosse della Fed.  

Ottieni di più delle nostre ultime analisi approfondite sul mercato e iscriviti alla nostra newsletter quotidiana. FSM Notizie ti fornisce gli aggiornamenti e le informazioni più recenti. Iscriviti adesso a FSMNotizie.